Procedura negoziata per affidamento appalto lavori di adeguamento delle reti di scarico del deposito mezzi in via C.A. dalla Chiesa n. 40 a Rimini

Scade il: 05/07/2016 alle ore 12:00 (scaduto)

C.I.G. 6701406F29


AVVISO DI CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA PER APERTURA BUSTE

Si comunica che il giorno lunedì 11 luglio 2016 alle ore 14.00 presso gli uffici di Start Romagna S.p.A. in Viale Carlo Alberto Dalla Chiesa n. 38 a Rimini (Sala C), si svolgerà la seduta aperta al pubblico per l’apertura delle buste contenenti le offerte pervenute in risposta al bando in oggetto.
Alla seduta pubblica potranno presenziare ed intervenire i legali rappresentanti delle imprese concorrenti, o loro delegati mediante apposita delega scritta corredata da copia fotostatica del documento di identità del Legale Rappresentante delegante nonché del Delegato.

E’ indetta una gara mediante procedura negoziata per l’affidamento dell’appalto dei lavori di adeguamento delle reti di scarico del deposito mezzi in Via Carlo Alberto dalla Chiesa n°40 a Rimini per un importo complessivo a base di gara pari a € 130.000,00 + IVA oltre a € 5.876,16 + IVA per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso.
I lavori rientrano nelle seguenti categorie SOA:

  • Categoria generale OG6 (acquedotti, gasdotti, oleodotti, opere di irrigazione e di evacuazione);
  • OG11 (impianti tecnologici).

Le Imprese interessate a partecipare alla procedura di gara possono scaricare di seguito i relativi documenti.


INTEGRAZIONE DOCUMENTI DI GARA

Oggi 30 maggio 2016 si è provveduto ad integrare i documenti di gara con ulteriori cinque tavole:
Planimetrie schematiche
Planimetrie scarico acque lavaggio bus
Schema adeguamento sollevamenti area officine
Dettagli manufatti idraulici
Impianto di trattamento acque di scarico da lavaggio bus
.
Anche queste tavole posso essere visualizzate e scaricate dai link che seguono.


Documenti allegati
Lettera di invito aggiornata al 30.05.2016Scarica
Relazione tecnica descrittivaScarica
Schemi quadro elettrico b.t. cabinaScarica
Schemi depuratoreScarica
Schemi quadro b.t. interruttori e partenze lineeScarica
Capitolato speciale. 1a parte, specifiche amministrativeScarica
Capitolato speciale. 2a parte, specifiche tecnicheScarica
Computo metrico per offertaScarica
Piano di sicurezza e coordinamentoScarica
Modello 1 - Domanda di partecipazioneScarica
Modello 1 BisScarica
Modello 2 - Attestato di sopralluogoScarica
Modello 3 - Offerta economicaScarica
Schema di contratto aggiornato al 30.05.2016Scarica
Planimetrie schematicheScarica
Schema scarico acque lavaggio busScarica
Schema adeguamento sollevamenti area officineScarica
Dettagli manufatti idrauliciScarica
Impianto di trattamento acque di scarico da lavaggio busScarica

FAQ Risposte a richieste di chiarimenti sulla gara

A maggior chiarimento del bando di gara, rivolgiamo il seguente quesito: siamo in possesso di attestazione SOA per Cat. OG6 e non abbiamo abilitazione ad eseguire lavori impiantistici. Possiamo partecipare alla gara come impresa singola dichiarando di voler subappaltare il 100% delle opere rientranti nella Cat OG11 ad impresa qualificata, ancorchè non espressamente individuata al momento della partecipazione a gara?


Poichè l’importo dei lavori della categoria OG11 (impianti tecnologici) non supera il 30% dell’importo complessivo dei lavori oggetto del bando, è possibile ricorrere al subappalto anche del 100% di tale categoria, ma per ragioni di par condicio, imparzialità e trasparenza deve essere necessariamente indicato il nominativo del subappaltatore, la qualificazione dello stesso per la categoria di lavoro da eseguire e la quota relativa di affidamento (% di lavoro in subappalto). In alternativa è possibile la partecipazione in R.t.i., ed in tal caso, in sede di gara occorrerà indicare anche il nominativo dell’impresa mandante con la relativa qualifica posseduta relativa alla cat. OG11.

E’ possibile ricorrere ad Avvalimento per usufruire dell’attestazione SOA di altra impresa?


E’ possibile ricorrere all’Avvalimento per usufruire del’attestazione SOA di altra impresa solo per i lavori della categoria non prevalente OG 11 (impianti tecnologici), ma non per la categoria prevalente OG 6 (Acquedotti, gasdotti, oleodotti, opere di irrigazione e di evacuazione), visto il dettato dell’art. 89 comma 11 del nuovo codice appalti (D.Lgs 50/20169 che prevede che: "Non è ammesso l’avvalimento qualora nell’oggetto dell’appalto o della concessione di lavori rientrino, oltre ai lavori prevalenti, opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità tecnica, quali strutture, impianti e opere speciali. E’ considerato rilevante, ai fini della sussistenza dei presupposti di cui al primo periodo, che il valore delle opere superi il dieci per cento dell’importo totale dei lavori. (Omissis)".

A maggior chiarimento di quanto indicato nel bando di gara chiediamo se un’ impresa, non invitata direttamente dalla Stazione Appaltante alla procedura in oggetto, ma venuta a conoscenza tramite la pubblicazione sul sito aziendale, debba inviare un’eventuale richiesta di partecipazione oppure è sufficiente la presentazione dell’offerta nei modi e nei tempi indicati dal bando.


Non occorre l’invio di una specifica richiesta di partecipazione ma è sufficiente la presentazione diretta dell’offerta nei modi e nei tempi indicati dal bando.

Nel bando si richiede l’attestazione SOA, mentre nella domanda di partecipazione (Mod. 1) a pag. 9 viene prevista la possibilità della partecipazione anche dei soggetti non attestati purché nel quinquennio dimostrino di aver realizzato lavori equivalenti per l’importo di gara. Si chiede conferma di tale possibilità.


Trattandosi di lavori di importo inferiore a 150.000 euro, si conferma la possibilità di partecipazione alla gara per le imprese non in possesso delle attestazioni SOA indicate nella lettera d’invito, qualora le stesse siano in possesso dei requisiti indicati al punto 9 della domanda di partecipazione, ovvero: - aver eseguito direttamente nel quinquennio antecedente la data del bando lavori analoghi per un importo non inferiore a quello a base di gara; - avere sostenuto per il personale dipendente un costo complessivo non inferiore al 15% dei lavori eseguiti nell’ultimo quinquennio antecedente la data del presente bando; - avere nella propria disponibilità le attrezzature idonee all’esecuzione dei lavori in oggetto.

Vorrei sapere se il criterio di aggiudicazione per questa gara è quello dell’anomalia calcolata come stabilito dall’art. 97 comma 2 D.Lgs. 50/2016.


Per la gara in oggetto non è stata prevista l’esclusione automatica delle offerte anomale, per cui non vi sarà calcolo dell’anomalia dell’offerta. Ciò non toglie che la scrivente Stazione Appaltante, come precisato a pag. 12 della lettera d’invito alla gara, possa effettuare la verifica delle offerte ritenute anormalmente basse, a norma dell’art. 97 del D.Lgs. 50/2016 (nuovo codice appalti), con conseguente richiesta di relative giustificazioni. Sarà quindi facoltà dell’impresa concorrente allegare già in sede di offerta eventuali giustificazioni dei prezzi presentati, qualora ritenuto opportuno.